de | it |
0039 0472 647124    info@post-trens.it   Mappa  

26 Feb

5 esperienze da vivere in estate a Vipiteno e dintorni

L´ Alto Adige sta vivendo in questo momento un inverno davvero meraviglioso: tanta neve ed un sole che ogni giorno risplende nel cielo azzurro. Peccato, che i nostri amati ospiti non possano venire a farci visita, per poter ammirare con i loro occhi questo sogno invernale. Noi però siamo fiduciosi e crediamo che presto viaggiare sarà di nuovo possibile senza alcuna restrizione, e sogniamo già ciò che potremmo sperimentare in estate a Vipiteno e nelle sue vallate:

 

 

Cascate di Stange © Associazione Turistica Vipiteno/Alex Filz

1. Rinfrescarsi alla Cascate di Stanghe: si stenta a crederlo, ma in piena estate le temperature possono salire ad altezze considerevoli anche nella città alpina di Vipiteno. In queste giornate c´ è solo una cosa da fare: camminare attraverso le Cascate di Stanghe, l´ unica gola in marmo bianco d´ Europa, che brilla di verde in superficie e adorna anche parte della Chiesa di Innsbruck. L´ex „Kaiser-Franz-Josef-Klamm“ festeggia quest´anno il suo 125° Anniversario ed impressiona con ponti, passerelle e fragorose cascate, dalle quali il torrente di Racines cade nel vuoto con tutta la sua potenza. Un vero spettacolo naturale!

 

 

 

Mercato dei contadini Vipiteno © Associazione Turistica Vipiteno/Arnold Ritter

 

2. Passeggiare al mercato dei contadini di Vipiteno: se si vuole osservare come i contadini dispongono i loro prodotti sui loro tavoli di vendita, bisogna alzarsi presto. I più dormiglioni si alzano con calma, fanno colazione e passeggiano in Piazza Città a Vipiteno. Lo sfondo con la Torre delle Dodici ed i frontoni delle case della città è unico. E cosa si può comprare? Prodotti tipici regionali, in ogni caso tutti prodotti del loro maso o fatti in casa: formaggio, carne, miele, frutta, verdura, succhi di frutta, marmellate, tè e grappe fatte di erbette della Alta Valle Isarco.

 

 

Cima del Zinseler © Associazione Turistica Vipiteno

3.Meravigliarsi guardando l´ alba dalla Cima dell Zinseler: quando la valle è ancora assopita sotto una coltre di foschia, l´ escursionista mattiniero ha la possibilità di ammirare un panorama mozzafiato dalla Cima dello Zinseler, quando il sole si fa scorgere lentamente dietro le cime delle Dolomiti. La salita di un´ ora vale davvero la pena anche di mattina presto, perché la vista è davvero mozzafiato: un panorama sull´ intero mondo montano altoatesino, dalle Dolomiti alle Alpi dello Zillertal, dello Stubai e dell´ Ötztal fino all´ Ortles e al Gran Zebrù.

 

 

 

 

Pista ciclabile a Vipiteno © Associazione Turistica Vipiteno/Stefano OrsiniVipiteno

4. Pedalare lungo la ciclabile Monaco -Venezia: la ciclabile, che si estende per 500 km e collega la metropoli bavarese alla „Serenissima” sull´ Adriatico, si snoda lungo la strada, la ferrovia e il fiume di Vipiteno. La vista su entrambi i lati della ciclabile è varia: castelli medioevali, pittoreschi paesini, guglie di chiese dai tetti rossi, masi adornati di gerani. Non importa quanto si abbia voglia (o quanto sia buona la condizione fisica), da molti paesi si può facilmente tornare al punto di partenza in treno o in autobus. Se non si vuole portare la propria bicicletta, la si potrà noleggiare in un negozio di noleggio biciclette.

 

 

Tribulaun e rifugio Cesare Calciati © Associazione Turistica Colle Isarco/Guus Reinartz

5. Camminare in Val di Fleres ai piedi dell´ imponente Tribulaun: il gigante Tribulaun domina tutta la Val di Fleres. Le sue pareti rocciose appartengono alle più alte cime delle Alpi dello Stubai, ma possono essere scalate solo da alpinisti molto esperti. L´ escursionista può ammirare la cima sopra i 3.000 mt al meglio dal rifugio omonimo. Oppure può visitare la Val di Fleres passando per la „Hölle“ (inferno), la cascata della Val di Fleres, o camminando verso le accoglienti malghe, come la Malga Furt o la Malga Allriss. Per coloro che godono di una buona condizione fisica e hanno buon fiato, c´ è il sentiero Dolomieu, dove un geologo francese diede il suo nome ad una roccia; questo sentiero offre uno splendido panorama sulle cime circostanti fino al traguardo, il vicino Monte Cavallo.